Verso te

Ho imparato a seguire
il tuo respiro
mi ha creato, mi ha cullato
al riflesso di uno zaffiro.

Hai detto faccio tardi
mi è rimasto sempre impresso
ma un bambino si confonde
se lo dici troppo spesso.

Quando hai chiuso quella porta
per non tornare più
il dolore mi impediva
di abbracciarti.

E tu … eterno
e noi … all’inferno.

Vorrei che le parole mi bastassero
vorrei che le emozioni mi cullassero
vorrei, ma le paure mi sovrastano.

Ho imparato a tenerti dentro
forse è lo stesso
ma il vuoto resta il centro
di ogni mio riflesso.

Ti ho cercato un poco ovunque
ti ho trovato in una voce
che sapeva dirmi come
che poteva dirmi dove.

Ed io … ti capivo
ed io …

Vorrei ancora avere per un attimo
te che mi scavi giù nell’animo
ma niente arresterà il mio battito.

Ci sei tutte le volte che mi agito
direi anche alla morte dove abito
è ingiusto per tutti quelli che lo vivono
ma io ho le canzoni che mi guidano
verso te, verso noi
verso me, verso voi.